Incontro del Corpo con le sue risorse

Stage residenziale  con Herns Duplan a Panta Rei, 31 luglio-6 agosto 2017

 

Si è concluso domenica scorsa, presso il Centro “Panta Rei” a Passignano sul Trasimeno, lo stage patrocinato dall’APID, con Herns Duplan, fondatore di Expression Primitive.

Duplan, quasi ottantenne, con energia sorprendente, ci ha condotti  a sperimentare la potenza formativa e tras-formativa  del suo approccio: la riscoperta di un corpo “abitato”‘, che vive e agisce nella presenza, nella  padronanza,  che sa attingere alle proprie risorse e all’energia circolante dentro di noi e intorno a noi,  anche per mezzo del supporto della dimensione ritmica, che tutto avvolge e contiene, insieme a quella vocale.

Nel corso della settimana, lo stage si è articolato e sviluppato in un’equilibrata alternanza di diverse proposte, che nell’insieme costituiscono il fulcro del lavoro di Duplan.

Proposte di tecnica del corpo e di adattamento al ritmo, in  cui tutti i muscoli e le articolazioni sono messi in gioco con precisione e sapienza, sia nella tenuta della postura sia nel dinamismo del movimento, sostenuto quasi costantemente dalla pulsazione.

Proposte di improvvisazione che permettono di accedere alla propria sorgente espressiva e creativa,  sia individuale sia di gruppo.

Una sessione quotidiana  di sperimentazione della percussione, per imparare a relazionarsi con questo strumento e, soprattutto, grazie ad esso, per apprendere a riprodurre la pulsazione, ovvero  “la materializzazione del tempo nello spazio” (Duplan), in modo regolare, costante, preciso e vibrante.

Trattandosi di uno stage residenziale, i partecipanti hanno potuto godere, nei tempi liberi, di importanti momenti di condivisione e confronto tra loro e con Duplan stesso, e ritagliarsi i propri spazi personali di rielaborazione e recupero. Un aspetto che non va sottovalutato e che rappresenta  un valore aggiunto di questa esperienza.

Un’altra caratteristica distintiva degli stage residenziali con Duplan è l’evento performativo conclusivo. La serata finale prevede una restituzione di quanto sperimentato durante la settimana: ogni partecipante, da solo o insieme ad altri, è invitato a dare vita a una propria creazione in cui rimette  in gioco i contenuti del percorso, traendo spunto da un’ispirazione personale o da  un tema da cui si sente interpellato. Il tutto si svolge in un clima scevro da qualsiasi spirito di competizione,  ma nell’ottica dello scambio reciproco.

Siamo grati a Herns Duplan per averci offerto, ancora una volta, una sintesi della sua ricerca inesausta attraverso i principi cardine dell’Expression Primitive, della cui  ideazione e intuizione originaria lui solo rimane tuttora  l’unico vero detentore.

 (Maria Paola Rimoldi)