La Danza: un Giano Bifronte?